Siamo nel vivo del periodo natalizio, ormai le città sono addobbate, tra alberi di natale, presepi e installazioni varie per le vie dei centri. Come ho già detto in precedenza la Puglia è una regione piena di eventi di natale, adatto a tutte le età e per tutti i gusti. Ma oggi ti voglio parlare di una mostra che si sta svolgendo a Locorotondo in provincia di Bari.

Locorotondo

A Locorotondo, si è dato inizio a una serie di eventi che si terranno per tutto il mese di dicembre, tra questi il Musica Lucis Festival dal 7 dicembre al 8 gennaio 2023 tra Fasano e Locorotondo, con tante iniziative ed eventi musicali.  L’ 11 dicembre  è stata inaugurata la mostra di Marco Petrucci in via Nardelli sul lungomare della città da non perdere, ma di cosa si tratta?

Testi Manifesti

“C’ S’ Disc’?” (Che si dice?) è la frase che le persone si sentono dire da amici e parenti quando tornano in puglia per le vacanze.  La maggior parte di loro risponderebbe “Ca l’sard s’mang’n l’alisc” (Che le sarde si mangiano le alici), esplicitando una propensione al dialogo o voglia di alimentare la conversazione con ovvietà discorsi scontati. La frase è tratta da “LaCapaGira”, film cult del regista Alessandro Piva del 1999. Proprio come tutti i dialetti locali, anche quelli pugliesi presentano peculiarità e suoni indecifrabili per orecchi stranieri. La mostra “C’ S’ DISC? Istruzioni per l’uso” raccoglie diversi detti e citazioni di film pugliesi. 

Marco Petrucci

Marco Petrucci, mentre dietro il progetto testi manifesti, trasforma i manifesti d’autore frasi coniche, le estrapola dai loro contesti originali e le rende universalmente disponibili attraverso una narrazione visuale fresca e contemporanea. La curiosità sarà quella di catturare le reazioni di chi ne capirai il significato o di chi invece proverà a leggere, pensando di trovarsi di fronte a frasi scritte in qualche misteriosa lingua straniera. La sfida per tutti sarà quella di indovinare la provenienza di ogni manifesto.

Conclusioni

Non perderti l’occasione di visitare Locorotondo in questo periodo natalizio con la famiglia o con gli amici, anche perchè troverai il centro storico tutto addobbato.

 

11 commenti

  1. Ma anche qui da noi Si dice “la sarda s’è mangiata l’alice!” sarà forse tipico dei posti di mare. Interessanti gli eventi natalizi in Puglia, devo farci un pensierino. Abbiamo diversi giorni di vacanza quest’anno a cavallo tra Natale e la Befana, vorrei approfittare per fare una visita in Puglia.

  2. Stavo pensando se anche dalle mie parti – in Piemonte – c’è un’espressione simile ma non mi viene in mente niente. Questa è molto curiosa!
    Come forse ti ho già detto, la Puglia è una regione che conosco pochissimo e ora sono ancora più curiosa di vederla, soprattutto in questo periodo.

  3. È da un po di anni che programmo di trascorrere le feste di Natale in Puglia, poi c’è sempre qualcosa che mi fa rimandare. Ma è solo questione di tempo, prima o poi visiterò questa bella regione anche in versione natalizia.

  4. C’ S’ disc ! davvero divertente come modo di dire, lo immagino pronunciato con il bellissimo accento pugliese e mi viene immediatamente voglia di andare a Locorotondo, una delle tante meraviglie della Puglia

  5. Una lingua vera e propria direi! Quella della sarda e dell’alice non l’avevo mai sentita, e dire che vivo in una località di mare, ma forse sono troppo a nord, qua in Romagna ci sono tutt’altri modi di dire. Meravigliosa l’Italia!

  6. Detti e tradizioni? Ma che meraviglia! Non potrò venire in Puglia ma sicuramente questa mostra è davvero imperdibile per chi ama i dialetti e gli usi e i costumi di queste zone!

  7. Comunque il periodo natalizio in Puglia mi sta affascinando sempre di più… magari ci faccio un pensierino per i prossimi anni!

  8. Invece da bambina ricordo che quando qualcuno chiedeva: Che si dice? la gente rispondeva: A quattro le sarde e a cinque le alici (ho sempre pensato che indicasse una sorta di prezzo al mercato del pesce). Grazie di tutti i tuoi consigli per questo Natale in Puglia.

  9. Molto divertente questa iniziativa! Ovviamente la frase delle sarde che si mangiano le alici non l’avrei mai capita se l’avessi sentita pronunciare e, comunque è un detto che mi risulta del tutto nuovo ma rende bene l’idea

  10. Avendo vissuto in Puglia per tre anni, qualcosina ancora la capisco e trovo geniale l’idea dei manifesti in dialetto!

  11. Io vivo vicino la Puglia, qualcosa capisco, ma non tutto. Molto interessante questa iniziativa, credo che sia divertente catturare le espressioni della gente quando sente o legge un dialetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Angela

Content Creator e Social Media Menager con la passione per i viaggi, del digital e delle serie tv.
Adoro catturare gli angoli e luoghi meno conosciuti, ma anche far rivivere attraverso i miei scatti città importanti.

error: contenuti protetti!