Massafra, una città della provincia di Taranto è conosciuta per le sue gravine. Infatti fa parte dei luoghi del mito. 

Cosa sono le gravine

Prima di parlare delle gravine di massafra, ti spiego in breve cosa sono, la gravina è  una tipica morfologia carsica della Murgia. Sono incisioni erosive profonde anche più di 100 metri, molto simili ai Canyon, scavate dalle acque meteoriche nella roccia calcarea, instaurando corsi d’acqua che migliaia di anni fa scorrevano fino al mare. 

Nel territorio di massafra ci sono 3 diverse gravine

La gravina più famosa è la Gravina della Madonna della Scala, che è caratterizzata da 125 gradini e scendendo la gravina si può ammirare il santuario omonimo. Si possono organizzare delle visite guidate per fare dei percorsi all’insegna delle grotte e alla riscoperta delle piante e fiori che crescono da queste parti. Tra le grotte si possono ammirare la farmacia del mago greguro, la grotta del Ciclope e la chiesa rupestre della Buona nuova.

Molte persone scelgono il santuario della madonna della scala per sposarsi, visto, anche la cornice molto caratteristica.

In più dai uno sguardo anche a Massafra: quartiere Santi Medici tutto da scoprire

Altra gravina importante è quella di San Marco che divide la città in due parti. Dal lungovalle niccolò Andria si può vedere la cupola della chiesa di San Lorenzo da una parte e dall’altra parte il castello e la gravina di San marco Qui si può ammirare il villaggio di Santa Marina. Inoltre nel periodo natalizio nel villaggio viene organizzato il presepe vivente, un esperienza da vivere. Molto caratteristica è anche la chiesa rupestre della candelora (purtroppo accessibile sono con guida turistica)

Infine c’è la gravina di Santa caterina che collega la zona di Sant’Oronzo con via la rotonda.

Oltre alle gravine, fuori città c’è una riserva naturale regionale, parco delle pianelle, un’area protetta tra Massafra e Martina Franca, ottima per fare un picnic o per una passeggiata all’insegna della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: contenuti protetti!