Instagram è diventato in poco tempo uno dei social principali. Nato inizialmente come social per condividere foto ricordo con amici,  adesso è diventato un vero e proprio business. Molte  aziende lavorano principalmente con le persone attraverso instagram. 

Le persone e  alcune aziende si basano sempre su  “quanti follower hai?”. Ma non sono realmente importanti per poter crescere, e fare collaborazioni o attirare nuovi clienti. Sfatiamo il mito se ti impegni puoi acquisire i primi clienti anche con meno di 1.000 follower. Si hai capito bene, adesso ti spiego cosa serve veramente.

Strategie per crescere

Quando parliamo di crescita organica, significa crescere con delle strategie senza l’aiuto dei bot o  dei gruppi di engagement che inizialmente andrebbe bene, però con il passare del tempo non fa altro che penalizzare il profilo. Ma veniamo al punto ci sono diverse strategie ne vediamo alcune di seguito:

·      Gruppi Facebook: Iscriviti a gruppi simili alla tua nicchia e che trattano il tuo stesso argomento, presentati e interagisci, questo aiuta a stringere rapporti e magari la gente è invogliata a visitare il tuo profilo ig;

·      Dirette Instagram: pianifica delle dirette a cadenza settimanale o mensile per dare appuntamento ai tuoi follower, magari fai delle dirette con esperti del tuo settore o persone sempre in linea con quello che pubblichi. Questo potrebbe portare traffico al tuo profilo da persone che non seguono te, ma seguono l’altra persona che è indiretta con te;

·      Shoutout: è uno scambio di storie, dove cerchi persone del tuo settore, fai una storia dove consigli di visitare quel profilo e l’altra persona, deve fare la stessa cosa. Così da portare del traffico ad entrambi le parti.

Post in collaborazione: con uno degli ultimi aggiornamenti instagram è possibile creare un post in collaborazione con un’altra persona, e il post in questione apparirà su entrambi i profili. Quando pubblichi un post e c’è l’opzione di taggare clicca su invita collaboratore. 

·      Interazioni di qualità: prima e dopo aver pubblicato o quando sei sull’app dedica 20-30 minuti per lasciare like e commenti di valore ai profili che segui ma anche facendo una ricerca per hashtag.

·      Freebie: creare un documento in pdf con dei contenuti di valore gratuito che potrebbe interessare ai tuoi follower ma anche a chi no ti conosce

·      Newsletter

·      Reels: se fatti bene i reel hanno un potenziale incredibile, riesce ad arrivare anche a chi non ti segue

·      Instagram ADS: le campagne di facebook e instagram investendo un budget

·      PUBBLICARE CON COSTANZA: la miglior crescita è pubblicare non tutti i giorni però almeno avere una continuazione, si consigliano 3 post a settimana, tutto dipende da quanti contenuti riesci a creare e programmare.

CONCLUSIONE

Ci sono diversi modi per poter crescere organicamente, bisogna studiare la strategia migliore e testare sempre.

Per altri consigli o domande mi potete contattare in privato o su instagram @angela_caponio

 

6 commenti

  1. Ho letto con interesse questo post perché dopo le ultime novità , Instagram ha perso molto appeal. Tuttavia, dato che come tu stessa hai notato, è una vetrina importante, bisogna curarlo. Io sicuramente devo migliorare nell’interagire con gli altri profili. Questo è un aspetto che curerò

  2. Ciao carissima! Lo ammetto: non amo molto IG, ma devo farmelo piacere! Non sono sempre presente, perché il tempo a disposizione è sempre pochino. Mi dovrò organizzare …
    Grazie mille dei consigli

    1. all’inizio è difficile, però credimi se ti organizzi anche mezz’ora al giorno riuscirà a notare dei risultati, testando le varie strategie, se hai bisogno di altri consigli sono a disposizione

  3. IG non riesco proprio a farmelo piacere, purtroppo tocca averlo anche se non mi porta nulla al blog. Grazie per i preziosi consigli!

  4. Grazie per i consigli, è un social che avevo un po’ trascurato e non ero aggiornata sulle novità e strategie

  5. Instagram è un buon trampolino di lancio ma devo dire che con questi continui cambiamenti ha un po’ stancato! L’algoritmo ormai a malapena ti da la spinta cosa che prima invece ti invogliava a dare sempre di più.. Spero torni quello di una volta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: contenuti protetti!